Dizionario di ITALIANO
cerca:  

Dizionario di INGLESE
cerca:  
Inglese - Italiano  
Italiano - Inglese

 

  Servizio a cura di Corriere.it  


     Massimobiondi.it - Tutti i diritti sono riservati
 

Se per non sbagliare non si fa nulla (Angelo Panebianco)

24 agosto 2018

Le grandi opere in ostaggio e la politica dei no

Assistiamo nel nostro Paese ad una ostilità viscerale, «di pelle», nei confronti dell’economia moderna, ad una sorta di feticistico rifiuto

 di Angelo Panebianco

Un gruppo di giovani, una domenica qualunque, è impegnato a danneggiare automobili in sosta e a scontrarsi con la polizia. Sono ultrà del calcio inferociti per un rigore(a loro dire) negato dall’arbitro alla loro squadra del cuore. Un altro gruppo di giovani, in un’altra giornata, si dedica invece a sfasciare le vetrine di un McDonald’s e anch’esso si scontra con la polizia. Sono «no global», sono in lotta contro la globalizzazione. Quasi tutti, probabilmente, siamo d’accordo nel deplorare il comportamento di entrambi i gruppi. Probabilmente concordiamo anche nel considerare sia gli ultrà che i no global in questione dei disadattati che scaricano con la violenza le loro frustrazioni. Però , è anche possibile, se non probabile, che alcuni di noi , pur condannando tutti e due i gruppi , siano portati a pensare che ci sia comunque un po’ più di razionalità nella protesta violenta contro la globalizzazione che in quella contro il rigore negato. Sbagliato. Posto che di razionalità ce n’è pochina in entrambi, l’ultrà ne possiede comunque un po’ più del no global. Infatti, l’ultrà, per lo meno, conosce le regole di una partita di calcio, sa che cosa sia un rigore, eccetera. Il no global invece protesta per cose di cui nulla sa e di cui capisce ancora meno. E’ in lotta contro un nome (globalizzazione), non ha la più pallida idea di cosa davvero corrisponda a quel nome o di come funzioni un’ economia globalizzata . Disadattato per disadattato, l’ultrà è più razionale del no global.

Questa premessa mi serviva per dire che ci sono aspetti della vita pubblica del nostro Paese che non sono spiegabili solo da esperti di politica o da sociologi. Per venirne a capo dovrebbero essere consultati anche gli psichiatri. L’esistenza di una opposizione di massa alle grandi opere (un’opposizione che può benissimo prendere la strada della violenza: vedi il caso dei no Tav) appartiene a questo genere di fenomeni. Nell’intervista delCorriere (17 agosto) al capo dei comitati no Gronda, a colui che aveva definito una «favoletta» la possibilità del crollo del ponte, due aspetti erano degni di nota. In primo luogo il fatto che, anziché parzialmente riscattarsi nell’unico modo possibile , ossia dicendo «sono stato un imbecille e non aprirò mai più bocca su questioni pubbliche», il nostro, confermando di che pasta morale siano fatti i nuovi politicanti, ha preferito scaricare le colpe su altri, sugli «ingegneri» di cui , poverino, si era fidato. Ma l’altro aspetto notevole (almeno per i non genovesi) è che egli, in quella intervista, ricordasse che già nelle manifestazioni del 2008 contro la Gronda partecipassero cinquemila persone. Cinquemila? Davvero un gran numero. Come è possibile che cinquemila persone si mobilitino contro un progetto delle cui ragioni e implicazioni — quasi sicuramente, se non sicuramente — la schiacciante maggioranza di loro nulla sa ? Se riusciamo a spiegare questo avremo la chiave per spiegare molto di ciò che un tempo si sarebbe chiamato lo «spirito pubblico» nell’Italia di oggi.

Non basta dire che numeri così folti si spiegano soprattutto con il calore che trasmette lo «stare insieme», sentirsi coinvolti in una esperienza comune. Se fosse tutto qui , anziché a protestare contro la Tav, la Gronda, la Tap , e la qualunque, potrebbero andarsene tutti quanti a un concerto di Vasco Rossi, o comunque ad ascoltare buona musica anziché del noioso bla bla pseudo- politico.

Se sentite parlare qualcuno dei tanti mobilitati contro le «grandi opere» vi rendete conto che c’è qualcosa di oscuro , di inquietante , qualcosa che si percepisce come del tutto irrazionale, negli atteggiamenti di queste persone. Lasciando da parte l’effetto Nimbi, la comprensibile (deprecabile quanto si vuole ma comprensibile) opposizione di coloro che dicono «non nel mio giardino», è l’opposizione degli altri che va spiegata. Come è potuto accadere che ci siano persone per le quali le grandi opere sono il Male, il Male assoluto? Che cosa fa scattare così tanto disgusto e raccapriccio ? Di quale malefizio, e lanciato da chi, sono rimasti vittime costoro?

Ascoltando i nemici delle grandi opere , risulta che le motivazioni ufficiali di questa diffusa , e intensa, mobilitazione , siano due: la lotta alla corruzione e la difesa dell’ambiente. Per molti, opera pubblica è sinonimo di corruzione. E più grande è l’opera , più grave è la corruzione . L’unico modo per bloccare il malaffare è smettere di farne. Fu precisamente questa la motivazione ufficiale che spinse la neo-eletta sindaca di Roma a dire no alle Olimpiadi. Se non ci sono appalti per opere pubbliche non ci sono nemmeno mazzette che passano di mano. Suggestionati da trent’anni di continue inchieste giudiziarie e connesso clamore mediatico, convinti (a torto) di vivere nel Paese più corrotto del mondo, molti nemici delle grandi opere credono di lavorare per la «legalità».

Ci sono poi quelli che pensano di battersi per la conservazione dell’ambiente, per i quali qualunque opera pubblica di grandi dimensioni è un attentato alla natura, una violenza all’ambiente. Spesso l’oppositore delle grandi opere fa ricorso a entrambe le motivazioni. Non è difficile vederne la matrice comune , la quale consiste nell’ostilità viscerale,«di pelle», nei confronti dell’economia moderna. Se fosse davvero la corruzione il problema, l’oggetto del contendere non sarebbero le grandi opere ma le regole degli appalti. Ciò che si aborre, in realtà, è il passaggio di denaro, anche se legale, coinvolto nella costruzione delle opere pubbliche. Al fondo gioca una sorta di feticistico rifiuto dell’economia monetaria. La «causa» ambientalista è altrettanto pretestuosa della lotta alla corruzione. Ad essere detestata è , in qualunque forma, la manipolazione dell’ambiente, ossia è , né più né meno , la società industriale.

Il problema è molto serio. In politica le minoranze rumorose contano più delle maggioranze silenziose. O si trova il modo di dirottarli tutti verso i concerti di chi vi pare oppure questi ci fanno tornare al Medio Evo. All’Alto Medio Evo, a quelli che non è più di moda chiamare i secoli bui

 

Corriere della Sera  – 22 agosto 2018

RIPRODUZIONE RISERVATA

 



 

Post inserito in: dicono

Parole chiave:

 
   
 

I commenti non sono possibili.