Massimobiondi.it - Tutti i diritti sono riservati
 
Dizionario di ITALIANO
cerca:  

Dizionario di INGLESE
cerca:  
Inglese - Italiano  
Italiano - Inglese

 

  Servizio a cura di Corriere.it  
 

Archivio Post

 
 

dicembre 2018

novembre 2018

ottobre 2018

settembre 2018

agosto 2018

luglio 2018

maggio 2018

marzo 2018

febbraio 2018

gennaio 2018

novembre 2017

ottobre 2017

luglio 2017

giugno 2017

maggio 2017

aprile 2017

marzo 2017

febbraio 2017

gennaio 2017

dicembre 2016

novembre 2016

settembre 2016

luglio 2016

aprile 2016

marzo 2016

febbraio 2016

gennaio 2016

dicembre 2015

novembre 2015

ottobre 2015

agosto 2015

giugno 2015

aprile 2015

gennaio 2015

ottobre 2009

Grom all’Unilever: non facciamo drammi

2 ottobre 2015

C’era da aspettarselo. Decine di lacrimanti della tastiera e chissà quanti frequentatori dei social media lamentano più o meno addolorati la cessione di Grom (“gloria del made in Italy”) alla multinazionale europea Unilever. Europea, anche se definita regolarmente anglo-olandese.

Sono sconcertato, ancora una volta, dalle banalità che si dicono e scrivono in questi casi, dalla Parmalat devastata dalla disinvoltura contabile e di altro genere del signor Tanzi (e famiglia) alla cessione di una gelateria della cui reclamata artigianalità si era già recentemente discusso, senza peraltro produrre prove incontrovertibili.

La realtà, questa si incontrovertibile, è che i signori Grom e Martinetti, fondatori della gelateria e proprietari del marchio si sono comportati da bravi imprenditori: hanno fondato un’azienda, l’hanno lanciata benissimo, con grande abilità, e quando hanno ritenuto fosse il momento opportuno hanno raccolto i frutti materiali della loro iniziativa. Questo è business, tutto il resto è comunicazione classica: la permanenza dei fondatori alla guida dell’impresa (vedremo per quanto e con quali deleghe effettive); l’artigianalità, il made in Italy, eccetera.

Grom e Martinetti evidentemente non avevano la voglia o la capacità o le risorse o i supporti adeguati per trasformare Grom in una vera corporazione globale, il che li accomuna alla totalità o quasi degli imprenditori italiani. Pure il fatto che la stampa tenda a considerare multinazionale la Grom perché ha sei o sette negozi in giro per il mondo dimostra quanto anche gli osservatori economici siano afflitti da una visione assolutamente provinciale.

Insomma, non si può – non si dovrebbe – scrivere di Grom come se fosse la Olivetti dei bei tempi. Non facciamo drammi: di gelaterie artigianali secondo me migliori di Grom a Milano ne conosco molte. Credo che in Italia se ne contino a migliaia, al contrario delle Olivetti.

Post inserito in: secondo me

Parole chiave: | |